Briciole di pane

Il Portale SIRAPE FVG

Descrizione

Ai sensi delle Linee Guida Nazionali per la Certificazione energetica degli edifici, è obbligatoria la trasmissione dell’Attestato di Prestazione Energetica alla Regione o Provincia autonoma competente per territorio. La sottoscrizione con firma digitale dell’APE ha valenza di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

Dal 1 Marzo 2018 il deposito degli APE può avvenire esclusivamente per via telematica, come indicato nell’articolo 13 della legge regionale 3/2018, nel registro telematico della Regione FVG

Dal 20 giugno 2018 è attivo il nuovo Servizio Regionale per il deposito e la visura degli Attestati di Prestazione Energetica: SIRAPE FVG.

Registrazione certificatori, notai, funzionari della Pubblica Amministrazione

I certificatori, i notai, i funzionari della PA e i loro tecnici designati per poter accedere all’area riservata di SIRAPE FVG, - dove è possibile effettuare il deposito e la visura degli APE - devono accreditarsi attivando la procedura di Registrazione. 

Una guida per la registrazione è scaricabile a questo link

La verifica dei dati inseriti per ottenere l’accreditamento, e quindi l’accesso all'area riservata, può richiedere alcuni giorni per avere esito.

L’accesso dei Soggetti già accreditati a SIRAPE FVG può avvenire via: 

  • SPID - sistema nazionale di login (scelta consigliata)
  • LoginFVG - con modalità standard o avanzata

Informazioni tecniche per i certificatori - procedura di deposito di un APE

1. Una volta entrati in SIRAPE, è necessario creare un nuovo certificato e inserire la foto dell'edificio. Deve essere rappresentativa dell'edificio e deve riportare la posizione dello scatto (geotag), per dimostrare di aver svolto il sopralluogo obbligatorio. Suggeriamo di fare la foto con un cellulare dove sia impostata la posizione geografica (GPS). Se la foto non riporta la posizione in cui è stata scattata, verrà inserito un messaggio di warning che però non bloccherà il successivo deposito del certificato.

2. E' necessario inserire in modo preciso la posizione geografica dell'edificio oggetto dell'attestato, che verrà anche riportata nella ricevuta di deposito dello stesso.

3.Si può dare un nome qualsiasi al certificato, per facilitare il certificatore nella sua ricerca.

4. E' necessario inserire la provincia geografica dell'ubicazione dell'edificio e se si tratta di un APE in fase di progetto o per una variante edilizia (nel caso sia richiesto per incentivi che lo richiedano in fase progettuale) oppure di un APE per la fine lavori o per compravendita/locazione.

5. Il deposito degli APE su SIRAPE FVG è possibile esclusivamente tramite upload del file xml esteso versione 5.00, contenente oltre i dati dell’APE anche i dati di input necessari per il calcolo della prestazione energetica dell’edificio, firmato digitalmente.
Alla data attuale il software Docet non esporta ancora tale file, ma tutte le altre case software lo esportano.
Una volta caricato l'xml, il software lo analizza per vedere se è conforme alla versione 5.00 e se presenta delle incongruenze. Nel caso appare la scritta diagnostica e cliccando su di essa si possono vedere gli eventuali errori nella scrittura dell'xml o dei valori ritenuti non congrui nel calcolo. A questo punto il certificatore dovrà contattare la casa software per risolvere i problemi di compilazione dell'xml o rivedere i calcoli nel caso di valori non congrui.

6. Dopo aver caricato il file xml, è necessario allegare i libretti di impianto e l'ultimo rapporto di controllo di efficienza energetica, ai sensi della faq 2.7 del Mise che riportiamo:

Domanda:
Si può emettere un APE senza che ci siano il libretto di impianto e un valido rapporto di controllo di efficienza energetica?
Cosa occorre fare quando l’impianto è sprovvisto di libretto di impianto e/o non c’è un rapporto di controllo di efficienza energetica ancora valido?
Risposta
Emettere un APE senza allegare il libretto di impianto comprensivo dei relativi allegati, tra cui anche un valido rapporto di controllo di efficienza energetica, significa dichiarare che l’impianto è stato ed è esercito dal responsabile in violazione di quanto previsto dal D.lgs.192/05 e dal DPR 74/2013 per cui è applicabile la sanzione amministrativa prevista dall’art. 15 dello stesso D.lgs. 192/05 e s.m.i.
Nell’APE, tra l’altro, nei casi in cui è istituito il catasto regionale degli impianti termici, va indicato, nella quarta pagina, il codice del catasto regionale dell’impianto termico che implica la regolare registrazione e dotazione del libretto di impianto e dei relativi allegati.
All’atto dell’emissione dell’APE, se necessario, occorre quindi far redigere il libretto di impianto e dotarlo degli allegati richiesti compreso un valido rapporto di controllo di efficienza energetica. Solo nel caso che l’impianto sia distaccato dalla rete del gas o dichiarato dismesso o disattivato (al catasto degli impianti termici se operante) può mancare il rapporto di controllo di efficienza energetica in corso di validità.
La decadenza dell’APE in caso di non rispetto della periodicità dei controlli di efficienza energetica si riferisce, quindi, ad un evento successivo alla data di emissione.
In aggiunta a quanto sopra indicato si precisa che in assenza di impianti per la climatizzazione invernale e produzione di acqua calda sanitaria, dovendo redigere l’APE e non essendo previsti libretti di impianto, la validità massima dell’APE è di dieci anni.

7. E' inoltre necessario allegare, ai sensi delle Linee Guida Nazionali per la certificazione energetica degli edifici:
- l'informativa del soggetto certificatore al richiedente l'APE,
- la relazione sul sopralluogo comprendente i dati di ingresso.
I modelli di questi due documenti, assolutamente modificabili e solo di esempio, sono presenti nel menu a lato.

8. Dopo aver reso le dichiarazioni in merito all'indipendenza e alla possibilità di firmare l'APE in autonomia, il certificatore passa alla firma del certificato.
Al certificatore viene inviata una pec con il certificato da firmare unitamente ad un codice firma.
L'APE deve essere firmato in modalità PADES (PDF basic)  e non deve essere cambiato il nome del file (se il programma di firma aggiunge "signed" è necessario eliminarlo).
Una volta caricato il file formato digitalmente è necessario inserire il codice firma ricevuto via pec e depositare l'Attestato nel Catasto APE della Regione.

9. Nella sua area ricercata il certificatore troverà la ricevuta di deposito dell'attestato che riportagli estremi di protocollazione nel Catasto APE regionale, la mappa indicante la posizione dell'edificio e il codice QR per poter scaricare l'originale firmato digitalmente. al committente va consegnata la ricevuta di deposito e l'APE contrassegnato con un'icona rossa che riporta il codice QR in fondo alle pagine. Se non dovesse apparire il codice basta fare il refresh della pagina.

Risorse utili SIRAPE

Accesso al Catasto APE della Regione FVG: portale SIRAPE FVG

Dal 20 giugno 2018 è attivo il nuovo Servizio Regionale per il deposito e la visura degli Attestati di Prestazione Energetica accessibile a questo link .

Guide alla registrazione e all'accesso

Guida alla registrazione e all'accreditamento: scarica qui

Guida a Login FVG: scarica qui

Documenti tipo per i certificatori

Documenti tipo da allegare per il deposito degli APE. Sono soltanto delle indicazioni e possono essere modificati dal certificatore:
informativa del soggetto certificatore al richiedente l'APE,
relazione sul sopralluogo comprendente i dati di ingresso,
esempio compilato di relazione di sopralluogo.

Delibera di riconoscimento dei corsi di formazione precedenti il DPR 74/2013

Qui si può scaricare la delibera per il riconoscimento dei corsi di formazione per la certificazione energetica degli edifici

Materiali convegni di presentazione SIRAPE

Il Piano Energetico Regionale: strategie e priorità di intervento
FVG Energia - Soluzioni a supporto del Piano Energetico Regionale
Normativa di riferimento per gli APE Attestati Prestazione Energetica
Presentazione SIRAPE FVG