Briciole di pane

Diagnosi Energetica

Cos'è la Diagnosi Energetica

La Diagnosi Energetica è una procedura sistematica finalizzata a ottenere un'adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio o gruppo di edifici, di una attività' o impianto industriale o commerciale o di servizi pubblici o privati, a individuare e quantificare le opportunità' di risparmio energetico sotto il profilo costi‐benefici e a riferire in merito ai risultati

La prestazione energetica indicata nella Diagnosi, diversamente dall'Attestato di Prestazione Energetica, è la quantità di energia necessaria per soddisfare annualmente le esigenze legate a un uso reale dell’immobile per il riscaldamento, il raffrescamento, la ventilazione, la produzione di acqua calda sanitaria, l’illuminazione, gli ascensori e le scale mobili e tutti gli usi energetici.

Lo scopo della diagnosi può essere limitato o ampio:
Limitato
A.    Analisi di un uno o più servizi energetici che concorrono alla definizione del fabbisogno energetico dell’edificio (sistema fabbricato-impianti):
    climatizzazione invernale
    climatizzazione estiva
    produzione di acs
    illuminazione (interna ed esterna)
    ventilazione (movimentazione meccanica dell’aria)
    trasporto interno (ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili)
    altri servizi presenti (da specificare a seconda della destinazione d’uso)
B.    Analisi di uno o più sistemi tecnici, o sottosistemi dei servizi energetici presenti (es. caldaia, chiller, infissi, ecc)
Ampio
Analisi di tutti i servizi energetici presenti o almeno di quelli più energivori: 
L’analisi (di dettaglio) si può fermare quando i consumi dei servizi considerati consentono di coprire una percentuale uguale o superiore al 95% dei consumi per singolo vettore energetico.

Le finalità della diagnosi energetica sono:
A.    Evidenziare le aree generali di incremento dell'efficienza energetica:
•    i risparmi energetici possono essere possibili regolando meglio la programmazione della ventilazione (per definire modifiche nella programmazione individuale è necessaria una diagnosi più dettagliata);
•    il miglioramento delle condizioni di esercizio del generatore di calore migliora la sua efficienza.

B.    Specificare misure di incremento dell'efficienza energetica 
Per ognuna delle azioni individuate vanno valutati i risparmi di energia attesi per ogni vettore energetico.

Cosa devo fare

Con il Decreto Legislativo n° 102 del 4 Luglio 2014 (G.U. Serie Generale n°165 del 18/07/2014) l’Italia ha recepito la Direttiva 2012/27/UE sull’Efficienza Energetica.
L’art. 8 definisce che i soggetti obbligati a svolgere diagnosi energetiche entro il 5 dicembre 2015 (e poi ogni 4 anni) presso i propri siti produttivi sono:
- le grandi imprese (comma 1);
- le imprese a forte consumo di energia (comma 3). 
Tale obbligo non si applica alle grandi imprese che hanno adottato sistemi di gestione conformi EMAS e alle norme ISO 50001 o EN ISO 14001, a condizione che il sistema di gestione in questione includa un audit energetico 

I risultati di tali diagnosi sono comunicati all'ENEA e all'ISPRA.

Le diagnosi energetiche possono essere anche richieste per ottenere contributi regionali per l'efficienza energetica.

A chi devo rivolgermi

Dal luglio 2016, gli audit energetici obbligatori devono essere eseguiti da figure certificate da parte di organismi accreditati da ACREDIA:

- Esperti in gestione dell’energia (EGE) certificati secondo la UNI CEI11339,
- Auditor energetici (AE) o REDE (Responsabili Diagnosi Energetica) certificati secondo la Uni Cei En 162475:2015
- E.S.Co. Energy Service Company certificate secondo la UNI CEI 11352.

Con esclusivo riferimento al solo schema volontario EMAS, l’organismo preposto all'esecuzione della diagnosi energetiche è ISPRA. 

Scadenze e obblighi

Le diagnosi energetiche di cui sopra devono essere inviate ad ENEA entro il 5 dicembre 2015 e poi ogni 4 anni.

Diagnosi energetica

Diagnosi energetica

E’ il documento che descrive la qualità energetica di un immobile in condizioni reali e le indicazioni in termini di costi/benefici degli interventi utili al suo efficientamento

Link utili Diagnosi

Chiarimenti del Mise

Link

Sito Enea diagnosi

Link

Enea Portale diagnosi 102

Link

News correlate

null Linee guida per le diagnosi energetiche degli edifici: al via consultazione su norma UNI
News Diagnosi
09 ott 2019

È partita la fase dell’inchiesta pubblica preliminare per un progetto di norma di competenza dell’Ente federato CTI-Comitato Termotecnico Italiano che rappresenta un valido strumento per l'esecuzione delle diagnosi energetiche degli edifici e che intende supportare la legislazione nazionale e il settore di riferimento.

Destinato alla pubblicazione come rapporto tecnico UNI/TR, il progetto di norma UNI1604716 “Diagnosi energetiche – Linee guida per le diagnosi energetiche degli edifici” costituisce una linea guida per l’applicazione della UNI CEI EN 16247-2 sulle diagnosi energetiche degli edifici e per l’esecuzione delle diagnosi energetiche degli edifici (ad uso residenziale, terziario o altri assimilabili).

Il progetto di norma fornisce indicazioni e modalità operative per:

- la raccolta e l’analisi delle spese energetiche;

- la raccolta e l’analisi delle documentazioni tecniche disponibili e la definizione dei controlli e delle verifiche edili e impiantistiche;

- la definizione dei fattori di aggiustamento dei consumi fatturati;

- l’analisi dei servizi energetici;

- la costruzione dell’inventario energetico;

- il calcolo degli indicatori di prestazione energetica;

- l’individuazione di azioni di miglioramento dell’efficienza energetica;

- l’analisi costi-benefici;

- la valutazione della priorità degli interventi.

Da oggi, e sino a mercoledì 23 ottobre 2019, tutti i soggetti interessati possono inviare il proprio commento al progetto dalle pagine web dell’Inchiesta pubblica preliminare.

Fonte: Casa&Clima